Desk Aeronautico è consultabile gratuitamente, la pubblicità è l'unico modo per mantenere il sito online. Cercheremo di renderla il meno invasiva possibile, disattiva AdBlock!

Eurocontrol dismette i piani di volo ripetitivi

Un piano di volo ripetitivo (RPL, Repetitive Flight Plan) è un piano di volo relativo a voli IFR ricorrenti che vengono effettuati giornalmente o settimanalmente. Il Repetitive flight plan processing service di Eurocontrol consente alle compagnie di inviare in formato aggregato i piani di volo della stagione e le relative frequenze di ripetizione di ogni volo. Il sistema poi, in maniera automatica, rinvia lo stesso piano di volo agli enti ATS nei giorni in cui il volo è pianificato. Ovviamente, per verificare la correttezza dei dati, ogni mese il sistema riprocessa i RPL per verificarne la correttezza con gli aggiornamenti AIRAC.

Attualmente però la dinamicità del network fa risultare il sistema RPL obsoleto. Molte compagnie già preferiscono pianificare con Computer Flight Planning Services Provider (CFPS) che consentono la pianificazione sulla base della disponibilità del network e del livello di volo ottimale. Le rotte e i livelli scelti con mesi in anticipo infatti potrebbero non essere più efficienti il giorno del volo. Ad esempio, il concetto FUA (Flexible Use of Airspace) prevede che l’attivazione delle aree segregate sia pianificata in base al loro reale utilizzo, per cui la percorribilità di alcune rotte potrebbe cambiare in determinati periodi o archi orari. Per questi motivi Eurocontrol ha deciso di interrompere l’erogazione del servizio di RPL. Il supporto a tale servizio era già stato sospeso, ma dal 29 marzo 2020 il sistema verrà completamente dismesso. Bisognerà quindi presentare piani di volo individuali per ogni volo. Questa scelta è coerente anche con la necessità di indicare le marche dell’aeromobile nel piano di volo [vedi articolo] e avere piani di volo sempre più fedeli ai reali profili di volo che potrebbero cambiare anche in base alle performance. Infatti, le recenti raccomandazioni di Eurocontrol chiedevano ai piloti di evitare cambi di rotta e livello rispetto a quelli indicati nel FPL per aumentare la prevedibilità del network e l’efficacia delle regolazioni di flusso [vedi articolo].