Desk Aeronautico è consultabile gratuitamente, la pubblicità è l'unico modo per mantenere il sito online. Cercheremo di renderla il meno invasiva possibile, disattiva AdBlock!

Piano di volo

Le regole nazionali che disciplinano le disposizioni generali dei Piani di Volo sono contenute nel “Regolamento ENAC Regole dell’ARIA RAIT” e all’interno della sezione ENR dell’AIP Italia. Per Piano di Volo si intendono delle informazioni specifiche fornite ad enti dei servizi di traffico aereo, relative ad un volo o porzione di volo di un aeromobile.

L’ufficio ATS Enav che normalmente riceve e inoltra il Piano di Volo è l’ARO-CBO (ATS Traffic Servicing Reporting Office – Central Briefing Office) a meno che non si preferisca inviare il Piano di Volo direttamente ad Eurocontrol per gli FPLs IFR e Misti (voli soggetti a trattazione IFPS). Ad esclusione degli aeroporti militari, gli uffici ARO non sono più presenti negli aeroporti ma sono stati accorpati in 2 centri CBO rispettivamente a Linate e Fiumicino. Se il volo ha origine da un aeroporto italiano sotto giurisdizione di Enav è possibile inviare un piano di volo per via telefonica chiamando il CBO di competenza, mediante modulo online oppure compilando, firmando e inviando tramite e-mail o fax il modello PDF.


Contenuti piano di volo
Modello di piano di volo

Le informazioni contenute all’interno del modello ICAO FPL sono le seguenti:

  • Identificazione dell’aeromobile;
  • Regole del volo e tipo del volo;
  • Numero e tipo/i di aeromobili e categoria della turbolenza di scia;
  • Equipaggiamento;
  • Aeroporto di partenza;
  • Orario EOBT (Estimated Off-Block Time);
  • Velocità di crociera;
  • Livello di crociera;
  • Rotta;
  • Aeroporto di destinazione e durata stimata del volo EET: Estimated Elapsed
  • Time;
  • Aeroporto/i alternati;
  • Altre informazioni considerate rilevanti dall’ENAC, dal fornitore dei servizi del traffico aereo e/o dall’esercente.
  • Autonomia;
  • Numero totale delle persone a bordo;
  • Equipaggiamento di emergenza e di sopravvivenza;
Presentazione piano di volo

Un piano di volo deve essere presentato prima di operare:

  • Un volo o parte di volo con l’assistenza del servizio di controllo del traffico aereo;
  • Qualsiasi volo, attraverso i confini internazionali, ad eccezione dei voli che attraversano i confini internazionali tra Italia e Repubblica di San Marino;
  • Qualsiasi volo programmato per operare di notte, se lascia le vicinanze di un aeroporto;
  • Voli all’interno o penetrando in aree o lungo rotte designate, come pubblicato nelle pertinenti sezioni AIP.

Ad esclusione delle precedenti casistiche, per i voli all’interno dello spazio aereo dove è fornito il servizio informazioni volo, non è stabilito l’obbligo di presentazione del piano di volo. Qualora tali aeromobili stabiliscano il contatto radio bilaterale con l’ente ATS responsabile e intendano proseguire il volo senza presentare il piano di volo, devono comunicare l’esplicita intenzione di operare senza piano di volo, utilizzando la fraseologia “Senza Piano di volo”. Tale comunicazione non comporta la fornitura del servizio di allarme da parte dell’ente ATS contattato.

Air Filed Flight Plan (AFIL)

Per i voli in partenza da aeroporti non sedi di enti ATS, in caso di impossibilità di comunicare il piano di volo all’ARO-CBO competente le notizie relative al piano di volo possono essere comunicate, appena possibile, dopo il decollo, all’ente ATS responsabile per la fornitura dei servizi di traffico aereo nello spazio aereo in cui l’aeromobile sta volando. L’ente ATS che riceve l’AFIL è responsabile del suo inoltro all’ARO-CBO competente che provvede al suo indirizzamento con le modalità appropriate, a seconda che sia o meno soggetto a trattazione IFPS. Se il piano di volo viene presentato allo scopo di fruire del servizio del controllo del traffico aereo, l’aeromobile attenderà un’autorizzazione ATC prima di proseguire in condizioni in cui sia necessario attenersi alle procedure di controllo.

Piano di volo abbreviato e contenuti

Per piano di volo abbreviato si intendono informazioni specifiche, relative ad un volo VFR, fornite all’ente dei servizi del traffico aereo dell’aeroporto di partenza nei casi in cui non viene presentato un piano di volo. Un piano di volo abbreviato deve essere presentato prima di operare un volo, o parte di esso, con l’assistenza del servizio di controllo del traffico aereo ATCS per i voli VFR che:

  1. Operano all’interno di un CTR o ATZ controllata senza mai uscire dallo spazio aereo controllato;
  2. Decollano da un aeroporto ubicato all’interno di un CTR o di una ATZ controllata per uscire dallo spazio aereo controllato;
  3. Entrano in un CTR o una ATZ controllata per atterrare in un aeroporto ubicato all’interno di tali spazi aerei
  4. Attraversano una o più porzioni di spazio aereo controllato contigue

Tale tipologia di piano di volo deve essere presentato almeno 10 minuti prima dell’ingresso in una TMA o punto di attraversamento di una aerovia e con il massimo preavviso possibile se il piano di volo viene presentato per accedere in un CTR o ATZ controllata.

Il contenuto del piano di volo abbreviato è il seguente:

  1. Identificazione dell’aeromobile;
  2. Tipo dell’aeromobile;
  3. Punto e livello di entrata (o aeroporto di origine);
  4. Punto e livello di uscita (o aeroporto di destinazione);
  5. Eventuale punto e livello di uscita dallo spazio controllato a valle di quello impegnato;
  6. Numero persone a bordo

Il piano di volo abbreviato è considerato chiuso all’uscita dallo spazio aereo controllato o dall’ultimo degli spazi aerei controllati contigui interessati.

Chiusura del piano di volo

La presentazione di un riporto di arrivo per la chiusura del piano di volo non è richiesta dopo l’atterraggio in un aeroporto sede di ente ATS. Negli altri casi, per qualsiasi volo per il quale è stato presentato un piano di volo fino all’aeroporto di destinazione, è necessario riportare l’arrivo ad un Ente ATS (per esempio ATC, FIC o ARO-CBO) per la chiusura.

È importante procedere al riporto di arrivo al fine di evitare l’attivazione di procedure di emergenza.


Rif. AIP Italia ENR 1.10

Pin It on Pinterest