Desk Aeronautico è consultabile gratuitamente, la pubblicità è l'unico modo per mantenere il sito online. Cercheremo di renderla il meno invasiva possibile, disattiva AdBlock!

S15/18: pubblicate le prime procedure RNAV per un’elisuperficie

Con l’AIP SUP 15/2018 sono state pubblicate le prime procedure sperimentali RNAV per Trento e Cles riservate ad elicotteri. Entrano in vigore il 31 gennaio 2019. Il progetto, voluto da Trentino Aeroporti e finanziato parzialmente dall’Unione Europea, è stato implementato con l’ausilio e il coordinamento di ENAC, ENAV, Leonardo Elicotteri e il Nucleo elicotteri della Provincia Autonoma di Trento. 

Nello specifico sono state create procedure di tipo PinS (Point in Space): in particolare due procedure di avvicinamento e una di partenza sia per l’aeroporto di Trento che per l’elisuperficie dell’ospedale di Cles. Le procedure PinS sono procedure RNP progettate appositamente per elicotteri che includono una parte strumentale con l’ausilio della navigazione satellitare e una a vista. La parte strumentale di avvicinamento termina su un punto specifico nello spazio dal quale parte il segmento a vista che può essere “proceed visually” o “proceed VFR”. Nel “proceed visually” è previsto un affrancamento dagli ostacoli e il pilota dovrà navigare mantenendo il contatto visivo con tali ostacoli con una visibilità che consenta di procedere dal MAPt (Missed Approach Point) fino all’atterraggio. Nel caso di “proceed VFR” il pilota dovrà procedere in accordo alle minime VMC. Per le procedure di partenza, allo stesso modo, il segmento a vista terminerà sull’IDF (Initial Departure Fix) sul quale inizierà quello strumentale. Questo consente agli elicotteri dell’elisoccorso di poter operare per la prima volta voli strumentali anche da/per l’elisuperficie di un ospedale.

Le procedure PinS sono procedure RNP APCH (Required Navigation Performance Approach) che permettono la creazione di rotte strumentali anche laddove non sono disponibili radioassistenze o non ci sono le condizioni per usare la navigazione convenzionale, come nel caso dell’elisuperficie dell’ospedale di Cles. Consentono infatti di creare rotte specifiche che si inseriscono nel contesto orografico del territorio seguendo ad esempio le valli. Sono inoltre caratterizzate da un’elevata precisione ed affidabilità grazie al supporto della tecnologia SBAS (Space-Based Augmentation System) di EGNOS che aumenta la precisione dei sistemi di navigazione satellitare. [vedi approfondimento sulle procedure RNAV GNSS]

In questa fase sperimentale le procedure per Trento e Cles saranno riservate agli elicotteri HEMS autorizzati. Le operazioni IFR sono limitate ad un aeromobile per volta e utilizzabili solo con il servizio AFIS di Trento-Matterello disponibile e in condizioni VMC.

Inoltre, per poter garantire le dovute separazioni agli elicotteri in procedura, in aggiunta al settore VFR “Valle del’Adige”, è stato definito un nuovo settore VFR all’interno della FIR di Milano denominato “Cles”. Il traffico che intende operare all’interno di tale settore dovrà tentare di stabilire il contatto radio con Padova FIC/ACC, Bolzano Info o Trento Info per ottenere informazioni sulla presenza di elicotteri in procedura.

Allegati