Desk Aeronautico è consultabile gratuitamente, la pubblicità è l'unico modo per mantenere il sito online. Cercheremo di renderla il meno invasiva possibile, disattiva AdBlock!

Le modifiche dell’AIRAC 6/2021 dal 15 luglio

Entreranno in vigore il prossimo 15 luglio 2021 le modifiche introdotte in AIP Italia dal ciclo AIRAC 6/2021. Tra le modifiche più importanti troviamo:

  • Dismissione “BLA” VOR/DME e sostituito con FIX IBCUC;
  • Implementazione nuove aree FMC all’interno di Milano e Padova ACC;
  • Revisione procedure strumentali di partenza di Malpensa;
  • Implementazione nuova zona di volo acrobatico a Foligno;
  • Rinumerazione procedure strumentali di arrivo di Torino e Aosta;
  • Rinumerazione procedure strumentali di Salerno;
  • Suddivisione dell’area regolamentata R500 verticale in tre settori A/B/C;
  • Revisione delle procedure strumentali di Foggia;

A seguito della riorganizzazione dei servizi di controllo di avvicinamento nei CTR di Verona e Ronchi, sono state implementate delle nuove aree FMC (Frequency Monitoring Codes) all’interno di Milano e Padova ACC. La nuova area Milano East si estende lateralmente lungo i confini delle zone 19, 20 e 21 della CTA di Milano. I traffici VFR che monitoreranno la frequenza di avvicinamento di Milano 135.900 MHz dovranno inserire il codice transponder 4613. Per quanto riguarda Padova, la nuova area FMC Padova Central-East si estende lateralmente lungo i confini delle zone 20, 21, 22 e 23 della CTA di Padova fino ad arrivare ai confini geografici nazionali ad est di Ronchi. I traffici VFR che monitoreranno la frequenza di Padova 119.175 MHz dovranno inserire il codice transponder 4776. In entrambi i casi si ricorda che le aree FMC partono dal suolo e si estendono verticalmente all’interno degli spazi aerei non controllati. Lo scopo dell’FMC è di rendere noto all’ente ATS, senza obbligo di comunicazioni, quale frequenza (FIC o ACC) viene monitorata dal traffico.

È stato dismesso il VOR/DME di Biella “BLA” e sostituito con un punto avente le stesse coordinate chiamato IBCUC. A seguito della cancellazione del VOR, esso è stato sostituito con il nuovo fix in tutte le procedure strumentali associate di Aosta, Lugano, Torino e Malpensa. Nel dettaglio, le STAR di Aosta e Torino sono state rinumerate mentre per quelle di Malpensa vi sono modifiche maggiori. Tutte le uscite via BLA sono state cancellate e sostituite con IBCUC. Per pista 35L è prevista una sola SID convenzionale IBCUC 5F, mentre per il punto FARAK resterà a disposizione solo la FARAK 5Q convenzionale. Dalla pista 35R invece è stata cancellata l’uscita convenzionale via DOGUB. Per quanto riguarda invece le SID RNAV 1 restano inalterati i profili verticali, laterali e la numerazione delle precedenti SID via BLA, ma sono state ridenominate con il punto IBCUC. Infine le TSE verso AOSTA, CANNE ed ABESI da Milano Malpensa sono state rinumerate.

L’area regolamentata LI-R500 “Noto” per attività aerea militare e attività con mezzi RPAS è stata suddivisa verticalmente in 3 nuove zone: R500/A da 4000 piedi AGL a FL190, R500/B da FL190 a FL370 e R500/C da FL370 a FL600. Per tutte le zone l’ente ATS responsabile è Roma SCCAM.

Per l’aeroporto di Foggia sono state revisionate le procedure strumentali. Nel dettaglio, per la procedura di avvicinamento strumentale VOR pista 33 la radiale outbound per i traffici di categoria C/D è stata modificata con la radiale 112 da FGG VOR/DME. Per tutte le categorie la quota sul FAF è stata innalzata a 2200 piedi. Le procedure strumentali di partenza invece sono state rinumerate: per entrambe le piste le uscite via BAR e BRD sono state cancellate mentre è stata modificata la velocità IAS massima di 210 nodi da mantenere durante la prima virata lungo le rispettive SID.

A seguito di aggiornamento della variazione magnetica (4°E) le procedure strumentali di arrivo e partenza per l’aeroporto di Salerno Pontecagnano sono state rinumerate.

A Foligno è stata istituita una nuova zona adibita ad attività di volo acrobatico. L’area prevista sull’aeroporto si estenderà da 1000 piedi AGL a 5000 piedi AMSL all’interno della FIR di Roma classificata G.