Desk Aeronautico è consultabile gratuitamente, la pubblicità è l'unico modo per mantenere il sito online. Cercheremo di renderla il meno invasiva possibile, disattiva AdBlock!

Lamezia, Ronchi, Apulia e Verona: le riorganizzazioni dei CTR del 2021

Nella primavera 2021 i CTR di Lamezia, Ronchi, Apulia e Verona saranno soggetti a delle riorganizzazioni operative: il servizio di controllo di avvicinamento in tali spazi aerei sarà trasferito rispettivamente a Roma, Padova, Brindisi e Milano ACC. Come già accaduto per il CTR di Olbia, a seguito della riorganizzazione ne consegue una ristrutturazione degli spazi aerei interessati: i CTR consisteranno in una sola zona 1 dal suolo, mentre verranno implementati nuovi spazi aerei CTA che sostituiranno le precedenti zone dei CTR. Così facendo i servizi ATS nelle nuove CTA e CTR saranno forniti da nuovi settori operativi dislocati all’interno dei centri di controllo d’area.

Le date previste per i trasferimenti dei servizi di avvicinamento agli ACC sono le seguenti:

  • Ronchi dal 22 aprile 2021 (AIRAC 2104) con la nuova Venezia Giulia CTA;
  • Lamezia Terme e Verona dal 20 maggio 2021 (AIRAC 2105) con le nuove Calabria e Verona CTA;
  • Apulia dal 17 giugno 2021 (AIRAC 2106) con la nuova Apulia CTA.

Dal 20 maggio 2021 il servizio di controllo nei nuovi CTR di Lamezia, Crotone e nella nuova CTA Calabria verrà fornito dal settore ES0 di Roma ACC sulla frequenza 118.800 MHz o 133.250 MHz. La ristrutturazione prevede la modifica del CTR di Lamezia da SFC a 3000 piedi AMSL con cancellazione delle precedenti zone 2, 3, 4, 5 e 6, il nuovo CTR di Crotone da SFC a 2000 piedi AMSL, la modifica dei confini laterali dell’ATZ di Lamezia e Crotone e l’implementazione della CTA Calabria classificata “D” in 3 zone:

  • Zona 1 “Golfo di Sant’Eufemia” da 1000 a 3000 piedi AMSL;
  • Zona 2 “Isola Capo Rizzuto” da 1500 a 3000 piedi AMSL;
  • Zona 3 “Catanzaro” da 3000 piedi AMSL a FL105.

Per il traffico VFR l’autorizzazione ATC ad entrare nella nuova CTA dovrà essere richiesta solo a Roma FIC sulla frequenza 129.575 MHz. Per quanto riguarda Crotone, il traffico VFR non è ammesso all’interno dell’ATZ di Crotone in caso di presenza di traffico IFR in avvicinamento o partenza. Il traffico VFR deve contattare Crotone AFIU sui VRP stabiliti prima dell’ingresso nell’ATZ per ricevere le informazioni su eventuale traffico IFR.

Dal 22 aprile 2021 il servizio di controllo nel CTR di Ronchi e nella nuova CTA Venezia Giulia sarà fornito dal settore CE0 di Padova ACC. Tra le modifiche sarà prevista la cancellazione delle zone 2, 3, 4, 5 e 6 del CTR di Ronchi, la modifica della zona 1 del CTR e la revisione dell’ATZ di Ronchi, entrambi con limiti verticali da SFC a 1500 piedi. Sarà inoltre abbassato a FL85 il limite inferiore della zona 7 della CTA di Padova. La nuova CTA Venezia Giulia sarà suddivisa in 3 zone:

  • Zona 1 “Grado” da 1500 piedi a FL85;
  • Zona 2 “Palmanova” da 3000 piedi a FL85;
  • Zona 3 “Bibione” da 4500 piedi a FL85;
  • Zona 4 “Sud Lignano” da 2000 piedi a FL85.

La riorganizzazione di uno spazio aereo, così detta Airspace Improvement, determina non solo una modifica dei limiti laterali e verticali delle aree di competenza, ma comporta una revisione completa della geografia ATS includendo aggiornamenti alle procedure strumentali, rotte ATS e standard operativi per l’erogazione dei servizi ATS. Per questi motivi le introduzioni di tali modifiche sono considerate a tutti gli effetti degli eventi ATFCM per il miglioramento e l’efficientamento dei flussi di traffico che vengono preparate in fase strategica a seguito di un processo di collaborazione tra ANSP e Network Manager di EUROCONTROL.