Desk Aeronautico è consultabile gratuitamente, la pubblicità è l'unico modo per mantenere il sito online. Cercheremo di renderla il meno invasiva possibile, disattiva AdBlock!

I NOTAM del 2020: oltre il 5% causa COVID

Concluso l’anno 2020 è possibile analizzare nel dettaglio i NOTAM civili emessi durante l’anno. Saranno quindi prese in considerazione le serie A, B, C e W emesse dall’ufficio NOTAM italiano. Per i dettagli sulle serie e le tipologie di NOTAM è disponibile la pagina “Guida alla lettura dei NOTAM“. Il 2020 è stato caratterizzato dalla pandemia Covid che ha causato più del 5% delle emissioni NOTAM.

Nel corso del 2020 sono stati emessi 19793 messaggi NOTAM, tra cui 11764 nuove emissioni (NOTAMN), 4029 sostituzioni (NOTAMR) e 4000 cancellazioni (NOTAMC). Rispetto al precedente anno in cui sono stati emessi 21752 NOTAM, si è registrato un -9% sul totale.

Sulla base delle serie emesse, nel 2020 si è registrato un -31% di serie W probabilmente per via delle attività di manifestazioni, lanci para ed esercitazioni rimandate causa Covid, mentre un +35% di serie C. Ricordiamo che la serie C ospita regole di carattere nazionale e notizie di aeroporti minori aperti al solo traffico VFR, per cui in questo caso le numerose limitazioni Covid ne hanno determinato l’aumento.

NOTAM 2020 per serieABCW
NOTAMN519340066382379
NOTAMR14351603767224
NOTAMC17831700289228
Emissioni NOTAM anno 2020 (nel grafico NOTAMC esclusi)

Vista la comune necessità di comunicare le restrizioni in vigore causa Covid, a marzo 2020 gli Stati europei hanno concordato nell’adottare un formato di testo armonizzato con l’introduzione della dicitura “COVID-19” all’inizio del messaggio per i NOTAM relativi a restrizioni, informazioni generali e requisiti per membri dell’equipaggio e passeggeri.

In Italia il primo NOTAM relativo al divieto di effettuare voli dalla Cina è stato emesso il 28 gennaio 2020, ma la prima dicitura “COVID-19” è stato usata nei NOTAM emessi a partire dal 19 marzo 2020. Nel 2020 sono stati emessi 854 NOTAM contenenti “COVID” con un picco di 192 NOTAM emessi nel mese di maggio 2020. Escludendo i NOTAMC, 854 emissioni “COVID”, su 15793 totali, rappresentano il 5,41% dei NOTAM emessi.

Tra gli aeroporti che hanno emesso più NOTAM “COVID” troviamo Treviso, Parma, Brescia, Verona e Linate. I NOTAM di aeroporto sono principalmente richiesti dai gestori aeroportuali (o ENAC) per comunicare variazioni di orari e disponibilità dei servizi di terra, oppure dall’ANSP per le variazioni dei servizi ATS. L’aeroporto di Treviso ha fatto registrare 64 nuove emissioni e 27 sostituzioni per la prolungata chiusura ancora in essere. L’aeroporto di Parma ha emesso 71 nuovi NOTAM e 18 sostituzioni principalmente per la riduzione degli orari di servizio.

I dati sono elaborati dal database di Desk Aeronautico che non costituisce fonte ufficiale di informazioni aeronautiche. Per leggere i NOTAM Covid è disponibile la pagina “Ricerca NOTAM Covid-19“.