Desk Aeronautico è consultabile gratuitamente, la pubblicità è l'unico modo per mantenere il sito online. Cercheremo di renderla il meno invasiva possibile, disattiva AdBlock!

Anche EASA chiede il rispetto del piano di volo

Nel 2018 l’Europa ha gestito 11 milioni di voli IFR con un incremento del 3,7% rispetto al 2017. Nei prossimi anni secondo diversi studi è prevista una crescita analoga che determinerà molto probabilmente problemi di capacità di traffico all’interno del Network. Dopo le raccomandazioni di Eurocontrol per l’estate [leggi articolo], anche l’European Union Aviation Safety Agency scende in campo inviando una nota ai vettori e al personale ATS per richiamare l’attenzione sul rispetto del piano di volo IFR. Lo scopo delle restrizioni di capacità – ribadisce la nota – è quello di proteggere la fornitura dei servizi ATS e il successo di tali misure dipende fortemente dal rispetto dei piani di volo presentati. È infatti sulla base dei piani di volo che vengono elaborate le capacita e le misure ATFCM. Sebbene i piloti siano spinti a recuperare ritardi e costi scegliendo cambi di rotta e altitudini, se troppi voli dovessero attuare questi cambi si metterebbe a rischio l’intero network planning provocando ulteriori ritardi. È per questi motivi che EASA ribadisce l’importanza che gli operatori aerei e ATS rispettino il piano di volo. Eventuali cambi rispetto al volo pianificato potrebbero creare sovraccarichi in alcuni settori che pilota e controllore non vedono nell’immediatezza. L’aderenza al piano di volo è quindi importante al fine di garantire un network sicuro e prevedibile.

Video – Unexpected traffic in the sector

Allegati

Pin It on Pinterest